A poco più di una settimana dalla nuova edizione della Notte Bianca di Locarno, in programma sabato 20 maggio, il cartellone di appuntamenti è stato affinato ed è pronto per essere svelato.

Come da tradizione, anche quest’anno esso avrà la cultura tra i suoi grandi protagonisti, con i musei comunali aperti sino a tarda ora con entrata gratuita, conferenze, concerti di musica classica e l’attesa premiazione del concorso per la creazione del manifesto della Notte Bianca 2018. Andando con ordine: aperto al pubblico dalle 20 alle 24, il Castello Visconteo proporrà la mostra archeologica permanente, con visite guidate (anch’esse gratuite) alle 18, alle 19 e alle 20. Alle 21.30 Francesco Pellicini e la band “I delfini d’acqua dolce” presenteranno “Marchette scanzonate – Non ho tempo di prendere a schiaffi tutti”.

indiana

A casa Rusca i visitatori potranno ammirare, tra le 20 e le 24, la mostra di Robert Indiana; in sinopia saranno esposte opere di Ivo Soldini, nell’ambito del progetto Locarno Arte. Casorella alle 19 accoglierà la premiazione del concorso per la creazione del nuovo manifesto dell’evento: agli organizzatori sono giunti ben 56 lavori di altrettanti giovani artisti in erba, sia ticinesi che italiani, che saranno vagliati da un’apposita giuria e poi esposti quella stessa sera, fino alle 24. Ma non saranno solo le strutture comunali a partecipare all’evento: anche la Galleria Ghisla Art Collection resterà aperta fino alle 23, con entrata a 8 franchi al posto di 15. Proporrà due esposizioni: una presenterà le opere dei principali interpreti dell’arte moderna e contemporanea mondiale, l’altra i lavori dei più importanti artisti contemporanei belgi.
E ci sarà spazio anche per la musica classica: il suo “tempio” sarà la Chiesa di San Francesco, che ospiterà alle 20.30 il coro del DFA con “Esperienze vocali” (musiche di Haydn, De André, Webber, spiritual e gospel tradizionale) e, alle 22.15, le esibizioni delle formazioni Partiture Dipinte e Ensemble di voci. Infine, a completare l’offerta culturale, una conferenza-dibattito organizzata nella sede del DFA (ex magistrale) alle 17 dall’Accademia Teatro Dimitri in collaborazione con l’Associazione Geamondo: intitolato “Diversità ieri e oggi – Sfide e opportunità”, l’incontro pubblico avrà come relatori Sandro Cattacin, professore di sociologia all’Università di Ginevra, Marco Marcacci, storico della migrazione, e Lorenzo Scascighini, responsabile di un progetto multiculturale alla SPAI di Locarno. Il programma completo è consultabile su www.nottebiancalocarno.ch.